La Galleria Nazionale si ridise-gna(m) il look

0 1.061

La Galleria Nazionale si ridise-gna(m) il look

Attachment-3-16 (1)Le belle giornate sono arrivate e ad inaugurare la stagione estiva a Roma ci pensa l’apertura della Galleria Nazionale, ovvero la ex GNAM di Viale delle Belle Arti,  alla presenza del Ministro dei Beni e delle Attività Culturali Dario Franceschini e della direttrice Cristiana Collu che hanno presentato Martedì 21 giugno la parziale ri-apertura della galleria, “rimessa a nuovo (o all’antico) e di bianco pittata“:

La Galleria Nazionale – afferma il Ministro – scandisce così l’inizio di una fase in cui il contemporaneo ritorna con forza nel museo, in un dialogo che deve ritornare continuo e costante con le realtà alle quali si deve parte considerevole della collezione permanente, dalla Biennale di Venezia alla Quadriennale di Roma fino al Maxxi con cui sono già state avviate importanti collaborazioni, i grandi cambiamenti sono fatti di piccoli passi e qui alla Galleria Nazionale si è percorsa, in silenzio, la strada giusta in un momento di profonda innovazione del sistema museale italiano

Collu-e-Franceschini-ph-Manuela-De-Leonardis-600x315 (1)
Cristiana Collu e Dario Franceschini

La GNAM si rifà così il look: le pareti, gli infissi, le tende, tutto è bianco, tutto è luce. A terra parquet e l’originario immenso tappeto acqua marina. «Ho lavorato a togliere, a riportare alle origini le architetture mettendo al centro l’idea di ospitalità e di accoglienza» ha detto la direttrice. All’autorevolezza che nel varcare la soglia già imponeva un severo e sacrale rispetto per il luogo, a partire dal bancone della biglietteria posizionato al centro, Cristiana Collu vuole contrapporre un’idea nuova di museo, friendly, semplice, quotidiano, confortevole (sgabelli sparsi, bookshop lungo i corridoi, free-wifi sono parte integrante del progetto) giovanile, fresco, luminoso, appunto, grazie alle grandissime vetrate che, aprendosi al mondo esterno, lasciano entrare quanta più luce possibile.
La Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea (GNAM), uno dei venti musei autonomi introdotti con la riforma del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, inaugura il nuovo corso con un nuovo assetto delle collezioni otto e novecentesche (del tutto visibili a partire dal 10 Ottobre) e  con una mostra The Lasting. L’Intervallo e la durata formata da diverse opere di 15 artisti diversi tra cui, ad esempio, Sugimoto e Antonio Fiorentino, e incentrata sulla percezione della dimensione temporale,  che sarà visitabile fino 29 gennaio 2017.

GNAMIl nuovo allestimento della Galleria Nazionale, destinato a suscitare non poche polemiche, non ha previsto, purtroppo, il mantenimento di Passi, l’installazione site specific di Alfredo Pirri. Acquistata  per 150 mila euro,  l’opera era uno dei punti di forza del museo, amata moltissimo dal grande pubblico, vuoi per quella sensazione di precarietà, di pericolo imminente causata dai vetri rotti, vuoi per un narcisismo che ci porta ad amare le superfici specchiate (ergo fotografabili!). L’artista ha di recente dichiarato:

Come cittadino, sono in pieno diritto (e forse dovere) di chiedere, di poter giudicare un progetto, sia architettonico sia culturale, finalizzato a ridisegnare il futuro del museo, perché dovrebbe essere prassi soppesare e discutere ogni opera di rilievo pubblico prima di passare alla sua realizzazione.

Sarebbe dunque un peccato smantellarla per riporla tra le polveri dei depositi – peraltro vastissimi- sarebbe pertanto auspicabile la sua esposizione in un’altra sala. «Anche perché il lavoro non era stato ideato per restare fermo, ma come laboratorio permanente» conclude l’artista. Ma, al di là delle polemiche che ogni scelta curatoriale ha (inevitabilmente) in nuce, la nuova facies della Galleria ha convinto gli spettatori presenti all’inaugurazione; adesso attendiamo con ansia il 10 Ottobre per poter vedere come saranno sistemate le collezioni ottocentesche al momento non tutte visitabili, nel frattempo noi, famelici appassionati e cultori di Bellezza, continueremo a chiamarla GNAM.

Elena Li Causi per MIfacciodiCultura

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.