Verona e Libre! ospitano Roberto Aere e la sua “Internobar”

0 914

Verona e Libre! ospitano Roberto Aere e la sua Internobar

Libre! a Verona diventa ancora una volta lo spazio ideale per fare cultura e farla bene con senso di accoglienza, calore e ospitalità, infatti in questi giorni è lo scenario ideale per Roberto Aere, artista emergente e autodidatta della realtà veronese, che qui espone le opere della mostra titolata InternobarQuadri vivaci dove i colori pop la fanno da padrone. Olio e acrilico su tela, utilizzati in modo diretto e non troppo preciso, per rappresentare gli interni di alcuni bar cittadini. Soggetti forse inusuali ma interessanti perché ci permettono di conoscere e vedere la realtà dei luoghi veri, vissuti e abitati ogni giorno dalle persone e dalle loro storie.

Roberto Aere - Terrazza bar al ponte
Terrazza bar al ponte

Dedicarsi ai bar per l’artista non è stato un caso ma un’intuizione avuta dopo essere stato a Parigi innamorandosi della bellezza di alcuni bistrot. Al rientro a Verona è stata sempre più forte la necessità di iniziare a osservare i luoghi frequentati giornalmente con occhi diversi maturando così l’idea di farli divenire i soggetti di alcune opere. Luoghi particolari, a volte esuberanti, colorati e con qualche rimando alle atmosfere anni ’50 mai banali, né troppo semplici a dire il vero, ma in grado di incuriosire e attirare l’attenzione.

Tra le cose che ho notato e che mi hanno colpita l’assenza della figura umana che non viene raffigurata ma che, in realtà, si può percepire perché in qualche modo ci si immerge in questi dipinti e la fantasia prende il volo. Non è difficile iniziare a immaginare chi sarà stato seduto a un tavolo oppure al bancone del bar e ognuno di noi potrà far vivere il proprio Internobar in una sorta di dialogo personale tra l’opera e l’osservatore. Ammetto che questa cosa mi ha incuriosita parecchio e ancora una volta ho pensato che grazie al mio lavoro le sorprese, in fondo, sono sempre dietro l’angolo. Interessanti anche il punto di vista e la prospettiva che diventano, in questi quadri, un elemento fondamentale e da non sottovalutare.

Quelli che vediamo sembrano scorci che si intravedono come se fossimo nascosti dietro una porta oppure vicini a una finestra appena scostata. Non è una visuale diretta che viene offerta anzi, al contrario, è una visuale parziale e se vogliamo illusoria che ci aiuta a entrare in sintonia con quello che stiamo vedendo.

Osservando questa mostra ho pensato, anche, alla bellezza di alcuni allestimenti teatrali. Ho immaginato che quegli Internobar così diversi tra loro potrebbero benissimo essere prestati al teatro per diventare lo sfondo di uno spettacolo.

Vi suggerisco questa piccola esposizione perché, a volte, gli artisti emergenti fanno doni preziosi regalando un momento di interessante divertimento che, secondo me, merita di essere vissuto.
Se volete saperne di più, potete visitare il sito di Roberto Aere.

Rossana Cavallari per MIfacciodiCultura

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.