Back toDay. 12 giugno

0 956

Benché non abbia grande simpatia per i complottisti, il Back to-Day di oggi è dedicato a loro: il collegamento che sto per fare rischia di superare le loro fantasie più sfrenate.

Oggi compie centoun anni David Rockefeller, che fu tra i fondatori del Gruppo Bilderberg – croce e delizia dei succitati complottisti. Quando si cercano foto di Rockefeller, si trovano i suoi occhietti arrossati associati a frasi minacciosamente magniloquenti come: «L’unica cosa di cui abbiamo bisogno è la crisi delle superpotenze, che poi dilagherà in tutto il mondo e allora… sarà accettato un unico governo mondiale.»

Il 12 giugno è anche – casualmente? NOOO! – il giorno in cui Reagan, nel 1987, inv12 giugno #1itò Gorbačëv ad abbattere il Muro di Berlino. Gorbačëv non raccolse il suggerimento personalmente ma, tentando di ristrutturare l’apparato sovietico e di rimpiazzare il modello economico dell’URSS, produsse un effetto domino che nel giro di due anni si tradusse nella distruzione del Muro.

Rockefeller, che compì settantadue anni nel giorno in cui Reagan fece tale appello, ebbe quindi un bel regalo, e di lì a poco poté depennare una super-potenza e avvicinarsi al suo godurioso sogno dell’“unico governo mondiale”. Ora che David ha tagliato abbondantemente il traguardo dei cent’anni – suo nonno John Davison Rockefeller aveva programmato di farlo, ma senza successo – può anche darsi che riesca a vederlo, un giorno, l’“unico governo mondiale”.

Il calendario invero è complottista:

nessuna coincidenza, mai una svista.

Andrea Meroni per MIfacciodiCultura

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.