“Truman – Un vero amico è per sempre”: un film sulla vera amicizia

0 862
ricardo_darin
Ricardo Darìn

È uscito il 21 aprile in Italia Truman – Un vero amico è per sempre, ultimo film di Cesc Gay, di cui l’argentino Ricardo Alberto Darín è protagonista.

Ricardo Darìn (Buenos Aires, 16 gennaio 1957) è un attore e regista argentino, famosissimo nel suo Paese, forse da pochi conosciuto in Italia, anche se il suo successo è chiaramente destinato a crescere, scrivono i critici di cinema un po’ di tutto il mondo. Affezionato alla sua lingua, preferisce recitare in spagnolo, ma questo non ha assolutamente impedito ai suoi film di diventare conosciutissimi anche all’estero. Un attore che sembra far diventare oro tutto quello che tocca, potremmo dire pensando ad alcuni dei suoi migliori film, tra cui figurano Nove Regine (2000) di Fabiàn Bielinsky, Il figlio della sposa (2001) e Il segreto dei suoi occhi (2009), entrambi di José Campanella. Proveniente da una famiglia di attori, si avvicina alla recitazione ed al teatro fin dall’infanzia, e da allora Darìn non si è più fermato e può vantare una filmografia per il cinema, il teatro e la televisione di rara densità. La sua passione per la recitazione è vera e sincera, ed il cinema è la sua vita. Basta guardarlo sulla scena per capirlo. La spontaneità di Darìn è assoluta, la sua bravura indiscutibile, ed è chiaro che è stata raggiunta solo grazie ad una vita nell’ambiente.

scena filmUn’esemplificazione perfetta delle doti di Darìn sembra essere proprio Truman – Un vero amico è per sempre, nel quale recita insieme a Javier Càmara e Dolores Fonzi. Il film, già vincitore di cinque premi Goya, l’Oscar spagnolo, per le categorie Miglior Film, Miglior Regia, Miglior Attore Protagonista e Non protagonista, Miglior Sceneggiatura originale, ha ottenuto numerosi altri riconoscimenti tra cui il Premio ex aequo Miglior Attore al Festival di San Sebastian per l’interpretazione di Darìn e Camara.

Il film narra le vicende di due amici molto diversi, ma che in fondo sembrano completarsi l’uno con l’altro. Due amici che si ritrovano dopo anni di lontananza, a causa della malattia di uno dei due, Julián (Ricardo Darín), malato di tumore: l’altro, Tomás (Javier Cámara), non può far altro che correre da lui anche se si trova dall’altra parte del mondo, solo per un ultimo saluto, perché l’amicizia è fatta di corse e abbracci, anche all’ultimo minuto. In mezzo a tutto questo c’è Truman, un cane, che sembra fare da bilancino tra i due amici, che ci tiene incollati allo schermo per quanto è grande la sua dolcezza e che si fa emblema di tutto, soprattutto dell’attaccamento che abbiamo alla vita e della proporzionale paura della morte.

trumanTruman – Un vero amico è per sempre è un film sull’amicizia vera, infatti ci ricorda che i rapporti interpersonali non si basano solo sulle promesse, ma soprattutto sui gesti, sussurri, sguardi e su tutto quello che non è detto ma che in fondo è forte come la vita, forte come la morte. Quest’ultime sono in lotta in questo film che fa commuovere ma che fa anche sorridere, un film drammatico coronato da uno humor sincero, che ha fatto sì che in molti lo abbiano definito “il film dell’anno”. Un film che dalle premesse sembra forse banale, ma che sorprende inaspettatamente e che vuole farci credere fino in fondo nella bontà che è intrinseca all’uomo e che nemmeno la malattia e la morte possono distruggere.

 

Chiara Parodi per MIfacciodiCultura

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.