Back toDay. 4 aprile

0 544

Gli anniversari del giorno sono decisamente variegati. Ciò potrebbe mandarmi in tilt, ma mi basta dividerli in gruppetti per raccapezzarmici. Del resto, perché mai abbattersi di fronte all’abbondanza?

Per cominciare con una vampata di energia, ecco una prima coppia… sinfonica. Parlo del compositore di colonne sonore trionfali ed epiche Elmer Bernstein (1922-2004), che oggi avrebbe compiuto novantaquattro anni, e dell’autore del tema di James Bond, vale a dire il neo-ottantottenne Monty Norman. Bernstein ha scritto bombastiche partiture per film come “I magnifici sette” e “La grande fuga” (entrambi di John Sturges, rispettivamente del ’60 e del ’63); ma il suo lavoro più esplosivo è quello che accompagna le lancinanti crisi d’astinenza dell’eroinomane Frank Sinatra in “L’uomo dal braccio d’oro” (1955, Otto Preminger). Passando a Norman, il tema di 007 l’ha scritto lui, certamente; però è il compositore ufficiale della serie, John Barry, che ci ha costruito sopra le orchestrazioni più thrilling.

Un’altra coppia per questa giornata: due voci, una nerissima e l’altra rossissima. Quella nerissima appartiene a Muddy Waters (1913-1983), nato centotré anni fa. Questo proto-rocker afroamericano dal timbro stentoreo (la sua chitarra è stata molto imitata dai rocker fatti e finiti) ha ricavato il suo nome d’arte così black dalle “acque fangose” del Mississippi. La voce rossissima è invece quella della nostrana Fiorella Mannoia, neo-sessantaduenne.

L’ultima accoppiata è composta da due attori che ricorderemo sempre con un sorriso sinistro stampato, anzi, inciso in faccia. Il primo è Heath Ledger, che oggi avrebbe compiuto trentasette anni, associato ormai inevitabilmente al Joker de “Il cavaliere oscuro” (2008, Christopher Nolan); altrettanto inevitabilmente il secondo, Anthony Perkins (1932-1992), nato ottantaquattro anni fa, è associato al ghigno folle del suo Norman Bates di “Psycho” (1960, Alfred Hitchcock).

È ben paradossale / che entrambi, assai jellati,

li abbiamo in testa ormai / coi denti sfoderati.

Andrea Meroni per MIfacciodiCultura

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.