Italia nascosta: le bellezze che non sappiamo di avere

1 1.736

L’Italia detiene un ammirevole ma poco conosciuto primato: è stato il primo paese ad avere delle leggi a tutela del patrimonio culturale e questo prima ancora di diventare un’unica nazione.

villa-zanelli-savona-italia (stile liberty, abbandonata)
Villa Zanelli a Savona (Foto di Jonathan Della Giacoma) – Italia

In teoria, ancora oggi, in questo ambito vantiamo un apparato legislativo tra i più completi e funzionanti, nella pratica però la questione si complica e tra burocrazia, nuove leggi mal scritte e soprattutto scarsità di fondi da destinare alla causa finiamo per applicare poco o male quelle leggi che ci fanno tanto onore.

Primo problema fra tutti è stata la scelta di dividere gli enti addetti alla tutela e quelli atti alla valorizzazione del nostro patrimonio, mansioni che invece sono strettamente intrecciate e che in questo modo finiscono per andare in direzioni diverse non portando benefici né ai beni tutelati e tanto meno a noi che dovremmo fruirne.

In poche parole quando un edificio viene vincolato, cioè viene dichiarato un interesse artistico, storico o culturale, non può subire modificazioni e non può essere abbattuto. Spesso però la scarsità di mezzi per mantenerlo, indipendentemente che sia privato o pubblico, portano al suo abbandono e quindi alla ovvia perdita proprio di quei caratteri che hanno portato al vincolo.
Vincolare un edificio spesso significa solamente dire «si, questo non possiamo permettere che vada perso» e poi lasciare che la buona sorte effettivamente non lo distrugga.

In questo modo edifici dall’immenso potenziale rimangono abbandonati per anni, nei casi più fortunati qualcuno si accorge di quello che sta accadendo e all’ultimo trova i fondi per salvare il bene in questione spendendo molto più di quanto sarebbe stato necessario per una tutela e una valorizzazione più tempestiva.

Castello-di-Sammezzano096
Castello di Sammezzano

Tra i casi più celebri e sconvolgenti ultimamente si è parlato molto ad esempio del Castello Ximenes di Sammezzano, unico edificio in stile eclettico in Italia e dalla sorte quanto mai incerta. L’edificio, abbandonato da diversi anni e senza un possibile compratore in vista, sembra destinato ad una lenta rovina che porterà alla perdita di un unicum di altissima qualità e dei suoi caratteri di grande meraviglia.

Non voglio negare il fascino delle rovine, ma non sono certa che questa sia la via più adatta per la valorizzazione del patrimonio italiano e non.

L’assenza di fondi da destinare alla cultura ha ovvie ripercussioni anche sulle strutture museali che si ritrovano nell’incapacità di aggiornare le proprie collezioni o di promuovere allestimenti e mezzi di fruizione al passo con i tempi.

L’obiettivo di questi articoli dal titolo Italia nascosta sarà quindi far conoscere il maggior numero possibile di questi casi che rischiano di rimanere nell’ombra, ma anche portare alla luce quelle piccole realtà di pregevole qualità del nostro paese ancora poco conosciute.

Elisa Pizzamiglio per MIfacciodiCultura

1 Commento
  1. Federico dice

    Bell’articolo Valentina, la storia del castello di Sammezzano è una vera ‘vergogna’ italiana, solo l’idea che possa andare all’asta mette i brividi a tutti gli italiani (in primis gli abitanti di Reggello). Ora però si parla di una sospensione della procedura e questo è un gran bene (anche se le motivazioni non sono ancora note). Ad ogni modo in tema di Italia Nascosta, conosci il sito e la pagina facebook di italianascosta.it ? Fanno un gran bel lavoro a mio avviso, raccontando posti quasi del tutto sconosciuti in giro per il nostro paese. Buona Domenica…!!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.