“Ave, Cesare!”: George Clooney e i fratelli Coen da kolossal

0 998

FILM-ave-cesare-1 C’era una volta in paese lontano lontano, in un sobborgo di St. Louis, Minneapolis, due fratelli legati da un insolito destino. Joel e Ethan hanno un dono speciale: sono mentalmente, spiritualmente, artisticamente in sintonia, quasi come se si leggessero nel pensiero. L’inscindibile legame tra i due fratelli li porta a vivere una vita simbiotica, soprattutto in campo lavorativo. I due fratelli, Joel e Ethan, pensano le stesse immagini, sognano gli stessi personaggi, trasmettono le stesse emozioni. Le persone che lavorano a contatto con questi due fratelli non smettono di stupirsi dell’incredibile sintonia che c’è tra loro, perfetta giustapposizione di idee e concetti. Pare quasi un miracolo, ma la vera magia dei due fratelli è un’altra, una dote più rara e preziosa: i due fratelli con le loro storie fanno ridere e fanno commuovere. E non vi è più grande magia di questa.

La storia dei più celebri fratelli del cinema, Joel ed Ethan Coen, ha qualcosa di fiabesco proprio come l’introduzione della loro commedia più amata e conosciuta, Il Grande Lebowski. La storia di questi due fratelli legati da un patto d’arte cinematografica apparentemente indissolubile è fortemente in linea con la loro stessa produzione. Prima di agganciarsi alle grosse case di produzione i Coen parteciparono nel 1981 al set del La Casa del loro amico Sam Raimi, ancora un regista in erba, dove si affacciarono appunto al mondo del cinema.  È però con la vittoria del Sundance Festival nel 1984 per Blood Simple – Sangue facile, che i due fratelli arrivano alla notorietà e celebrità.

51055_pplJoel e Ethan riescono a trasmettere in quasi tutte le loro storie e un nero, grottesco e soffocato senso dell’umorismo che più di tutti contraddistingue il loro modo di vedere il mondo e, inevitabilmente di raccontare attraverso la macchina da presa. Citare solo le scene migliori de Il Grande Lebowski sarebbe davvero riduttivo e scontato rispetto alla produzione dei Coen.
Il punto di vista diverso, originale, squisitamente comico sembra essere inscindibile dai volti degli attori che incarnano i personaggi che popolano i mondi dei Coen. Uno fra tutti (e su tutti) George Clooney, interprete non solo del film Ave Cesare!, appena arrivato nelle sale italiane, ma anche di Burn Afeter Reading e il meno recente Fratello Dove sei? Il comune denominatore sembra essere proprio la faccia naturalmente buffa, cialtrona e gergalmente da tira-schiaffi dell’amabile imbecille interpretato di volta in volta da Clooney. Mascalzone e sfacciato in Fratello Dove sei?, affiancato da un altrettanto esilarante e tamarrissimo Brad Pitt, la sexy star per Ave Cesare! si è vestita di una poco seducente divisa romana per interpretare la parte di un celebre attore degli anni ’50 dell’età d’oro di Hollywood. L’idea di una commedia sullo star system costellato da un cast di prim’ordine (l’ormai “collaudato” Josh Brolin, Tilda Swinton, Scarlet Johanson) e la trama della commedia che si intreccia con quella del thriller\noir, fanno di Ave Cesare! un film interessante e appetitoso, dal gusto raffinato gustabile però da palati diversi.

Federia Cunego per MIfacciodiCultura

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.