Festival della memoria: da Umberto Eco agli Etruschi

0 903

Arrivando a ogni nuova città il viaggiatore ritrova un suo passato che non sapeva più d’avere…

 Italo Calvino

cfee1df0aef1bf88281266898fc4ff19_XLIl MAV, Museo Archeologico Virtuale di Ercolano (Napoli), dal 27 febbraio fino al 30 marzo è sede di un importante momento culturale, il Festival della Memoria dove si intrecciano echi di diverso genere: dall’archeologia, alla poesia, dal cinema all’arte, passando per musica ed installazioni, omaggi ad Umberto Eco e a Pasolini, i 100 anni della teoria della relatività, la Nouvelle Vague, ed oltre 30 ospiti importanti tra i quali Michael Makarewicz, Directing Animator di Pixar, i registi Davide Ferrario, Roberto Faenza, Giancarlo Soldi, gli attori Andrea Renzi, Stefania Casini, gli scrittori Shady Hamadi, Igiaba Scego, Ouejdane Mejri.

Il progetto Festival della memoria ha come obiettivo quello di accendere i riflettori della cultura su Ercolano, città sede di uno dei più importanti siti Archeologici esistenti, patrimonio UNESCO della Campania.

Il percorso è stato ideato per riportare alla luce quanto è ancora nascosto in un territorio ricco di storia, con la prospettiva di valorizzare anche quanto la scienza e lo studio continuo hanno già portato agli occhi del mondo.

Memoria, è la parola d’ordine: traccia identificativa di una terra che bene abbraccia il binomio mito e storia.

MAV-Festival-della-memoria-Unfolding-the-aryan-papers14Un calendario ricco di eventi, già in attivo dal 27 febbraio con la sezione “memorie dell’arte”, dove con Sulle note del mistero. La musica perduta degli Etruschi di Cocco Cantini e Simona Rafanelli, si viaggia tra le evocazioni letterarie e musicali di uno dei popoli più antichi della storia: gli etruschi, sui passi dell’antico.

A seguire protagonista sarà la terra con La memoria della terra di Matteo Lorito, Gianfranco Nappi, Maurizio Focone, Mauro Di Vito, Ugo Leone, in un incontro didattico, rafforzato dalla mostra fotografica Memoria dello sguardo a cura di Giorgio Massimo. Viaggio nel tempo attraverso la memoria visiva,  dagli scavi archeologici alla grandiosità del Monte Vesuvio.

Dalla natura a Omaggio a Umberto Eco a cura di Mario Serenellini, dove sarà presentata la video-installazione Umberto Eco: Sulla memoria, di Davide Ferrario (dalla Biennale d’Arte di Venezia 2015) tesa a condurre lo spettatore alla riflessione sul concetto di memoria, caro al grande intellettuale.
Per la sezione “cinema” è da segnalare Evento Nouvelle Vague con la proiezione Hitchcock/Truffaut di Kent Jones (2015, 80’), presentazione di Mario Serenellini. Il film di Kent Jones ripropone la conversazione tra i due registi, arricchita dagli interventi di Martin Scorsese, David Fincher, Wes Anderson, Peter Bogdanovich, Paul Schrader.

epa05171552 A picture made available on 20 February 2016 shows Italian writer Umberto Eco at the Frankfurt book fair in Frankfurt, Germany, 11 October 2007. The Italian best-selling writer and philosopher Umberto Eco, has died at his home in Italy late on 19 February 2016 according to his family. EPA/ARNO BURGI
Umberto Eco

Arte, creatività e talento presentano Evento Pixar, conferenza di Michael Makarewicz, Directing Animator di Pixar con Elisabeth Vaughan Weigert in collaborazione con Blue Shuttle .
L’installazione Herculaneum 4k/360° chiude il calendario: un viaggio  virtuale nel sito di Ercolano, attraverso un film in 4K, una passeggiata tra ricerca, storia e tecnologia, tra ciò che è stato e ciò che ancora sarà.

«Il Festival della memoria quest’anno continua l’esplorazione di tracce e linguaggi diversi per avere uno sguardo sul mondo d’oggi», ha detto il curatore Ciro Cacciola, direttore del Mav.

Un lavoro di ricerca e didattica attiva, volto alla riscoperta della storia attraverso i linguaggi contemporanei dell’arte.

Grazia Nuzzi per MIfacciodiCultura

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.