Andrew Faber – La magia degli ombrelli

0 797

 

La magia degli ombrelli

Che poi vuoi mettere la magia di un ombrello colorato ?
Rosso magari ?
Con due euro ti sei guadagnato il suo fianco
la sua spalla
il profumo afrodisiaco dei suoi capelli
l’arcobaleno dei suoi occhi
l’andatura sculettante e il crepitio dei tacchi sull’asfalto.
Se ti va di lusso, una cioccolata calda al primo bar sulla strada.
E quando stringe un po’ le spalle dicendo:
che freddo!
E poi sorride.
Eh? Che meraviglia.
Nei film tromberebbero due scene dopo.
Perché sono due fighi della Madonna.
Però anche nella realtà non va così da schifo.
Solo che lei ha le tette più piccole e lui meno addominali.
Diciamo la verità su.
Non c’è supereroe che tenga a un uomo col suo ombrello.
Con gli ombrelli si rimorchia a manetta.
Quasi più del cucciolo di bulldog a 3 mesi.
O del neo papà col marsupio e gli occhiali.
Col sole queste robe non succedono.
Il sole non è romantico.
La pioggia sì.
Meticolosa, attenta.
E anche le mani delle donne infreddolite.
Quando finiscono in tasca, eh.
Fanno rumore.
Sembrano due spicchi di luna da riunire.

Quando è notte
e non c’è luna
c’è una donna nascosta da qualche parte
che stringe le sue mani nelle tasche
nell’attesa di qualcuno
che le restituisca il cielo.

Le spetta, di diritto.
Come ad ogni stella.
L’incanto, di riprendere a brillare.

Andrew Faber per 9ArtCorsoComo9

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.