Il ritorno musicale di Enya: “Dark Sky Island”

0 680

Enya--wLa famosa cantante e musicista irlandese Enya (vero nome Eithne Patricia Ní Bhraonáin) dopo sette anni dall’ultimo album di inediti, è finalmente tornata.
Esce proprio oggi infatti il nuovo e attesissimo lavoro discografico, dal titolo suggestivo Dark Sky Island: si ispira all’isola di Sark, situata nel Canale della Manica, conosciuta per essere ormai l’unico luogo dove è possibile ammirare il cielo stellato senza l’interferenza di luci artificiali create dall’uomo, combattendo così l’inquinamento luminoso, ormai imperante in gran parte delle città.

Tutti i fans della più conosciuta musa celtica attendevano con grande impazienza e curiosità questo nuovo progetto artistico, iniziato nel 2012 e durato ben tre anni. Una lunga lavorazione, come spesso è accaduto anche per i dischi precedenti: ma Enya, grazie anche alla collaborazione fedele con il suo team (Nicky Ryan e Roma Ryan) ogni volta ci ha stupito con sonorità, contenuti e atmosfere magiche e affascinanti, che trasportano l’ascoltatore in un’altra dimensione, a contatto con le meraviglie della natura.

Stile e influenze queste che nel corso della lunga carriera, iniziata nel 1984, hanno portato Enya nell’olimpo dei migliori e più apprezzati artisti musicali della scena contemporanea. Ad oggi l’artista ha venduto di 75 milioni di copie, anche grazie a brani quali Caribbean blue, Only time, Adiemus e Orinoco flow, senza considerare quattro Grammy Awards, sei World Music Awards e una nomination al Premio Oscar.
Consensi ed elogi che non arrivano solo dal pubblico, ma anche dalla critica e dai colleghi dello spettacolo. A dimostrazione di ciò, basti pensare alle varie collaborazioni che la cantante ha avuto con produttori e registi cinematografici, quali Peter Jackson ad esempio, che ha voluto espressamente brani scritti e cantati da lei (May it be su tutti) per la colonna sonora che accompagna la trilogia del Signore degli Anelli. Oppure altri artisti musicali, come The Fugees, noto trio dalle influenze Hip-Hop e R’n’b degli anni ’90, che ha usato la melodia di un brano di Enya del 1987, Boadicea, in uno dei loro maggiori successi, Ready or not.

enya_9_4854Successo e talento che di fatto l’hanno consacrata come artista musicale più importante in Irlanda, al pari degli U2, vere e proprie divinità in patria. Ci sono quindi sulla carta, tutte le migliori premesse perché Dark Sky Island diventi uno dei più interessanti e ben riusciti lavori discografici del 2015/2016, e contribuisca ad un arricchimento di carriera di Enya già di per sé così importante.
Il nuovo disco, l’ottavo in studio, è stato anticipato dal singolo Echoes in the rain, uscito lo scorso 9 Ottobre, che dimostra una volta di più questo rapporto profondo, quasi viscerale, e di simbiosi tra musica e natura, seguito successivamente dalla pubblicazione di So I could find my way, di cui inseriamo a fine articolo il video, per un approfondimento. Tematiche e stili musicali risultano in questo album differenti tra di loro, ma di fondo è presente un fil rouge che conduce e accompagna l’ascoltatore lungo tutto il percorso musicale ricco di significati, emozioni intense, sperimentazioni vocali e sonore. Inoltre, peculiarità comune degli album della cantante irlandese, e presente anche qui, è la mescolanza di lingue diverse usata nelle canzoni, dal classico inglese, al latino, alla lingua inventata dalla paroliera Roma Ryan, e diventata poi caratteristica di alcuni brani. La cantante, in un’intervista, racconta così il nuovo album:

Questo album parla di viaggi, viaggi verso l’isola, lunghi tutta una vita, attraverso la storia, attraverso le emozioni e viaggi attraverso i grandi oceani. Benché non sia un vero e proprio album tematico, c’è questa sorta di filo conduttore che attraversa le canzoni.

Un viaggio, quello di Dark Sky Island, che i sostenitori di Enya non vedono l’ora di affrontare, vagando tra cieli stellati, mari ed oceani, in un’armonica sinergia tra musica e natura.

 

Ivano Segheloni per 9ArtCorsoComo9

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.