Ritorno al Futuro Day: Toyota celebra lʼarrivo di Martin McFly

0 3.685
ritorno al futuro
Doc e Martin

Oggi, 21 ottobre 2015 è la data in cui Martin McFly arriva nel futuro dal 1985.

Di cosa sto parlando? Era il 1989 quando nella sale di tutto il mondo usciva Ritorno al Futuro – Parte II, il secondo film di una della saghe cult degli anni novanta.

Per celebrale la famosa data del film, già conosciuta dagli appassionati come Ritorno al Futuro Day, la Toyota ha diffuso qualche giorno fa un assaggio, di soli quaranta secondi, di uno spot più lungo che sarà trasmesso per lʼappunto il 21 ottobre, usato per pubblicizzare le nuove macchine con motore a idrogeno della società giapponese.

Lʼanticipazione dello spot vede i due protagonisti Marty McFly e Doc (interpretati rispettivamente da Michael J. Fox e Christopher Lloyd) seduti in una tavola calda a confrontarsi su alcune delle predizioni fatte nel film del 1989. 
Alcune sono state azzeccate: il design eccentrico delle nuove scarpe da ginnastica non differisce troppo da quello immaginato dagli autori nel film quasi trent’anni fa, e nei cinema è scoppiata la tecnologia 3D, ma oltre a questo? Le auto ancora non volano, la gente, la maggior parte almeno, non si veste nel modo eccentrico ipotizzato nella pellicola, e la saga dello squalo non è arrivato al diciannovesimo film, ma solo al quarto.

c_backtothefuture
Le scarpe autoallaccianti

Sarebbe interessante portare avanti questo confronto parlando anche di questioni un po’ più concrete e culturali. Come domandarsi chi si aspettava un presidente di colore alla Casa Bianca, o multinazionali più ricche di interi stati, o attentati terroristici così scellerati da andare oltre lʼimmaginazione di qualsiasi regista.
Resta incredibile pensare come spesso la realtà superi di lunga, per barbarie o scelleratezze, la finzione. Come i nostri incubi peggiori, le nostre paure o le nostre perversioni, sbianchino di fronte alla crudeltà o all’irrazionalità che lʼuomo è in grado di perpetrare.
Nessun veggente si sarebbe aspettato un futuro così oscuro, così pericolante e ferito. Un mondo dominato oggi dalla tecnologia, ma pervaso dalla xenofobia, dallʼipocrisia e dalla paura di qualsiasi cosa apparentemente diversa da noi.

Meglio allora cercare di tornare nel passato e avvisare Martin che nel futuro le cose non sono migliorate molto.
Ma non potendo farlo non ci resta che aspettare di vedere il proseguimento dello spot e forse far due parole con Martin se doveste vederlo comparire per strada sulla sua DeLorean.

Strade… Dove andiamo noi non servono strade!

Doc

Alberto Selvatico per 9ArtCorsoComo9

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.