La Scapigliata. Lunga vita a Popeye

0 1.078

Milano, 6 febbraio 1862

 La maggior parte degli artisti non è mica Van Gogh, e Mio caro Ragazzo grazie dei fiori ma preferisco un’estate al mare. Siamo anime perse che cantano gimme five ogni sabato. Avrai ragione tu, è l’abitudine di tornare, ma io non sono come Vera Nabokov. Ad esempio a me piace il sud ed un ragazzo di strada conosciuto al Breakfast Club. Se avessi il Generale Lee seguirei la Rotta per casa di Dio per scovare Jack the Ripper… forse potrà spiegarmi la differenza tra walking dead e il giudizio universale.

 Con affetto,

La Scapigliata,

figlia di Cletto.

Avrei voluto cominciare questa rubrica trattando esclusivamente di arte.

Tenuto conto degli innumerevoli articoli qui pubblicati sarebbe stato sensato, evidentemente sono destinata all’insensatezza.

Da molto tempo si pensava ad uno spazio scapigliato dove potermi sfogare come una Strega al Sabba, e finalmente ci siamo. Non so se questo per voi sarà un colpo di fortuna oppure no, quello che so è che nel momento in cui digito si sono accumulate diverse news nella mia testa che premono per uscire ed essere commentate.

Si sono da poco festeggiati i 17 anni dalla Battaglia di Hogwarts! Evento straordinario per la mia generazione che è letteralmente cresciuta, dagli 11 ai 21 anni, con il-bambino-che-è-sopravvissuto. E il nostro romanzo di formazione, come sappiamo, ha avuto molte vite. La sua autrice lo ha poi  recentemente ripreso per ampliarlo con brevi capitoli, rumors negli anni si sono rincorsi sui sequel. Ad oggi esiste un’unica certezza per i nostalgici del Mondo Magico: Eddie Redmayne. L’attore inglese sarà White Walker from GoTNewt Scamander in Animali fantastici: dove trovarli (Fantastic Beasts and Where to Find Them), adattamento cinematografico del libro di J.K. Rowling. Un vero e proprio spin-off pensato come una trilogia che dovrebbe riempire la sale cinematografiche tra il 2016 e il 2019.

Altro paio di maniche è il mondo di Westeros dove le certezze sono rare quanto le oasi nel deserto. Martin non è la Rowling, come purtroppo sappiamo tutti. La sua scrittura rispecchia la sua fisicità: è obesa. Trame e sottotrame si sono infittite, i personaggi moltiplicati, i dettagli stratificati. Mentre scrivo Game of Thrones è andato in pari: la messa in onda ha raggiunto e sta per sorpassare lo streaming. Il vero problema è che ormai la serie sta alle costole pure della sua mamma di carta. Gli sceneggiatori hanno già cominciato a inventarsi strade alternative perchè la HBO vuol chiudere a numero sette stagioni, tra due anni, e all’autore George R.R. Martin mancano ancora due bei tomi per concludere. Il sesto pare sarà pubblicato nel 2016, in contemporanea con la sesta stagione della serie!

Dulcis in fundo: Popeye! Il buon Braccio di Ferro tornerà a divertire i baDoctor Strangembini di tutto il mondo in un film ad animazione digitale. Alla veneranda età di 86 anni quel vecchio tabagista sembra star meglio di me. Sarà lo iodio, che qui in Brianza difetta! O quei fantomatici spinaci che ingurgita come la vostra Scapigliata il caffè. Forse nella pipa ha dell’erba folletta…

E questo è solo un assaggio delle fantasmagorie cinematografiche che ci attendono: il marvelliano Doctor Strange avrà le fattezze lunari di Benedicth Cumberbatch, e avremo forse un nuovo scontro, passando da un campo di battaglia “storico” e biografico a uno favolistico, fra gli inglesissimi Redmayne e Cumberbatch; il super classico The Jungle Book uscirà in ben due versioni: la prima disneyana  in live action con doppiatori tipo Bill Murray e altra robetta così, e la seconda The Origin  diretta e interpretata dal mitico Andy Serkis!

Lo so che sembra presto per pensare al 2016, nemmeno io so dove sarò, cosa farò e perchè. Certuni dicono che prima sia meglio che poi. Magari hanno ragione. Tutte le volte che ho detto c’è tempo mi sono ritrovata investita dagli eventi manco fosse il Nottetempo, all’ora di punta e con Ernie Urto ubriaco al voltante.

 Veronica Benetello 9ArtCorsoComo9

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.