Milo Manara illustra le passioni e gli eccessi di Caravaggio

0 1.475

Dopo quattro anni di lavoro sull’opera, Milo Manara ha presentato il 15 Aprile, presso la Biblioteca Angelica di Roma, la sua ultima graphic novel: Caravaggio – La tavolozza e la spada. Caravaggio 2Fumetto edito da Panini Comics Italia in due differenti versioni, Regular e Artist Edition, la storia raccontata è un perfetto equilibrio tra creatività e veridicità storica, e racconta non solo la vita e le opere del geniale artista, ma anche le sue passioni, i suoi eccessi e le sue relazioni amorose. Le tavole verranno inserite, l’anno prossimo, proprio all’interno di una mostra sul pittore, poste in apertura e chiusura ad illustrare la complicata biografia di Michelangelo Merisi.

 Manara concentra il suo lavoro sugli anni passati da Caravaggio a Roma, quindi un periodo che copre dal 1592 al 1606, sfruttando l’architettura della città come ulteriore personaggio, per cui mura e palazzi diventano parte integrante e funzionale alla storia. A questo proposito, difatti, il fumettista afferma: “Le architetture della Roma antica sono qualcosa di impressionante, nel senso che fanno impressione. Quando passeggiavo di notte con Fellini per Roma, lui diceva che i ruderi sembrano dinosauri. Provocano un senso di straniamento fortissimo in chi viene da fuori”. Importante sottolineare anche il gioco cromatico effettuato dal disegnatore, che alterna tavole buie a rossi intensi, presenti soprattutto nei vestiti femminili. Le donne, d’altronde, giocano un ruolo importante nel fumetto, ed è attraverso l’incontro-scontro del pittore con loro, soprattutto con Anna Bianchini, che si snoda la storia. A questi incontri amorosi sono dedicate molte scene, adornate da sensuali immagini di nudo femminile.

Il volto di Caravaggio è quello di Andrea Pazienza, altrettanto geniale artista che Manara ha voluto celebrare. L’autore afferma di aver voluto ritrarre Pazienza poiché lo ritiene il Caravaggio dei giorni nostri, aggiungendo che se il pittore fosse vissuto adesso si sarebbe dedicato sicuramente al fumetto, oppure al cinema. Nella Artist Edition, Manara si rivolge direttamente al protagonista della sua opera, scrivendogli una lettera in cui rivela un aneddoto personale: “Maestro Michelangelo Merisi, sono un disegnatore di fumetti. Molti anni fa, agli esami di maturità classica, il professore picchiettò con l’indice sulla copertina del libro di storia dell’arte dicendomi: ‘Mi parli di questo’. Sulla copertina c’era la vostra CanestraManara di frutta. Beh, feci un figurone, sapevo tutto di voi. Almeno tutto quello che uno studente poteva sapere, a quei tempi.”

Quando interrogato sul perché avesse scelto di dedicare un fumetto a Caravaggio, e in quale modo si sentisse vicino all’artista, Manara non ha avuto dubbi: “Nella stessa identica misura in cui tutti noi siamo vicini alla pittura di Caravaggio. Perché Caravaggio ha rappresentato noi stessi, la verità, e quindi siamo tutti dentro ai suoi quadri”.

La graphic novel sarà divisa in due volumi, di cui il primo sarà disponibile in tutte le librerie dal 30 Aprile in contemporanea in Italia, Spagna, Francia e Germania, per approdare poi negli Stati Uniti ed infine nel resto del mondo. Il costo varierà dai 16,90€ per l’edizione Regular (cartonato, 64 pagine) a 49€ per quella Artist (cartonato deluxe con inserti in tela ed effettivo rilievo, 80 pagine).

Eleonora Rustici per 9ArtCorsoComo9

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.