Sinatra 100’s: back to New York

0 699

Start spreadin’ the news, I’m leavin’ today
I want to be a part of it
New York, New York
These vagabond shoes, are longing to stray
Right through the very heart of it
New York, New York

“New York, New York”. In molti riconosceranno in queste parole una canzone che è passata alla storia e che ancora oggi riecheggia di tanto in tanto a ricordare “The Voice”, “Ol’Blue Eyes” o più semplicemente il grande Frank Sinatra. Una città tanto amata dal cantante tanto che quest’anno ci farà ritorno. Nasceva frank-sinatrail 12 dicembre 1915 e quest’anno in preparazione del suo centenario, in America sono già iniziate le celebrazioni che faranno da contorno ad un periodo dedicato completamente alla vita artistica del cantante, attore cinematografico e conduttore televisivo. Rappresenta uno dei simboli che incarnano gli del boom economico del dopoguerra americano come lo sono stati Marilyn Monroe o Elvis Presley. Forse rappresenta anche troppo gli anni d’oro comprendendo anche affari meno puliti, essendo un italo-americano immischiato con i mafiosi di Gambino. Ma proprio per evitare che si discuta troppo, la cosa più importante è che tutto il periodo delle celebrazioni non sarà all’insegna della polemica e dei misteri che riguardano la vita di The Voice ma piuttosto si elogerà la sua grande dote artistica. Solo per citare alcune delle iniziative che verranno proposte: il 4 marzo è stata inaugurata una mostra alla Public Library di New York che rimarrà aperta fino al 4 settembre. Poi concerti, dibattiti, un disco speciale di cover registrato da Bob Dylan, un’edizione speciale di Jack Daniel’s, che lui amava moltissimo, e programmi tv e cinema dedicati ai suoi innumerevoli film (cinquantatre per essere precisi) o a documentari ad hoc.

Accanto a Bing Crosby, Dean Martin o ancora Dinah Shore, Ella Fitzgerald e Louis Amstrong ha scritto una parte della storia del Jazz incidendo circa 2200 pezzi.

Ha fatto innamorare il mondo della Grande Mela con “New York, New York”. Ha fatto innamorare generazioni con “Strangers in the night”.

Oggi è ancora una voce molto riconoscibile che piace a tutte le generazioni forse anche grazie a Robbie Williams che ha ridato splendore alle sue più grandi canzoni.

Frank Sinatra che ha trasmesso e che ancora oggi trasmette grandi emozioni e merita sicuramente di essere ascoltato.

Alessandro Morsillo per 9ArtCorsoComo9

https://www.youtube.com/watch?v=Nvf9ae44nKU

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.