Storia di cambiamenti: Atti osceni in luogo privato

0 1.163

Atti osceni in luogo privato. Sembra quasi il titolo di una condanna o quantomeno di una denuncia. Dico e sottolineo quasi perché qui gli atti osceni non vengono fatti in pubblico, bensì in privato. Nella vita privata, dove l’osceno non viene criticato e giudicato illegale attraverso una sentenza giudiziaria.

 Atti osceni in luogo privato è il titolo del nuovo romanzo di Marco Missiroli, edito da Feltrinelli.

copertina atti osceni in luogo privatoIl titolo è provocatorio, così come l’immagine stampata in copertina. Se lo sguardo, entrando in una libreria, si poserà su questo libro, non se ne dimenticherà facilmente. Nel complesso incuriosisce, la gente non ne rimane indifferente. Viene voglia di immergersi nella lettura di questo romanzo.

 La trama narra la vita in prima persona del protagonista Libero Marsell, un ragazzino di dodici anni alle prese con i primi approcci alla sessualità. La storia comincia con l’età adolescenziale del protagonista e si sviluppa fino a quando questi non arriva alla soglia della vita adulta. Una storia di crescita e di sviluppo attraverso le fasi dell’amore, sessuale ed emotivo. Tra l’Italia e la Francia degli anni Ottanta.

Il romanzo è diviso in sei diversi capitoli. Ognuno rappresenta una fase dello sviluppo. Un romanzo di formazione, di crescita insieme al protagonista.

Immediato il collegamento con Storia di un corpo di Daniel Pennac, romanzo dello scrittore francese in cui il protagonista anonimo racconta in prima persona la sua vita, vissuta attraverso il corpo. Un diario sulla crescita fisica di un’intera vita.

 71RKS86gmGL._SL1121_2Qui, oltre alla maturazione di Libero, si assiste anche al cambiamento che avviene nella sua vita erotica e sessuale. Dai dodici anni in avanti, il protagonista impara ad amare. Incontra diverse donne e ha con loro rapporti sempre diversi.

A cominciare da sua madre, verso cui lui nutre sentimenti non corrisposti come vorrebbe. Si passa poi all’amore platonico tra il ragazzo e la bibliotecaria Marie, che lo accompagna nel cammino della vita attraverso i libri.

Le donne che si susseguono durante la vicenda sono diverse. Ma non sono le sole. Infatti, molto importante è la figura del padre un po’ sognatore e un po’ idealista, ma molto amato da Libero e ricordato anche dopo la sua scomparsa.

E, durante questi cambiamenti, Libero non è affiancato solamente da esseri umani. Ma anche dai libri, che impara ad apprezzare proprio grazie a Marie.

La sua iniziazione avviene tramite Lo Straniero di Camus, romanzo che lo aiuterà, seppur con fatica, a ritrovare se stesso.

 Un libro pubblicato recentemente, ma che fa parlare già molto di sé.

Forse per il suo titolo che non si lascia dimenticare. Forse per la sua copertina a doppio senso. Forse, semplicemente, perché nel romanzo viene descritta una storia in cui immedesimarsi. Un percorso di crescita che ognuno di noi sarà portato a compiere, che lo si voglia o no. Perché non si può rimanere eternamente Peter Pan. Né nella mente né nei pensieri né nel corpo.

Panta rei: tutto scorre e cambia. E noi non possiamo rimanere fermi.

 

Elena Mariani per 9ArtCorsoComo9

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.