Back toDay. 16 dicembre

0 516

Questa giornata non si è fatta mancare nulla: è stata gloriosa per la musica (oggi, nel 1770, nasceva un certo Ludwig Van Beethoven) e per la fantascienza (Arthur C. Clarke e Philip K. Dick, rispettivamente nel 1917 e nel ’28); è stata invece funesta per il cinema: il 16 dicembre del 1989 si è portato via anzitempo Silvana Mangano e il “Cattivo” ufficiale dello spaghetti-western, Lee Van Cleef.

Di appigli ce ne sono tanti, ma, rispetto agli anniversari di nascita e di morte di queste aquile, preferisco appigliarmi… a un pulcino.

Nel 1921 nasceva il disegnatore/animatore Toni Pagot, creatore, con il fratello maggiore Nino, di Calimero, il pigolante e piagnucoloso testimonial del detersivo Ava (“come lava!”).  Nino e Toni Pagot crearono personaggi come Jo Condor e il draghetto Grisù, ma nel ’72 Nino morì e della società costituita dai due rimase solo mezzo guscio, come quello che Calimero usa come copricapo.

Da solo Toni Pagot avrebbe creato, per Il Giornalino, un altro personaggio tenerello: Micromino.

Sempre oggi, nel 1919, nasceva un altro “mezzo guscio”: Furio Scarpelli, che col coetaneo Age (Agenore Incrocci) formò il duo di sceneggiatori più quotato e invincibile nella storia del cinema italiano. Ma l’uovo che i due, aggregati, componevano, non conteneva un pulcino bensì le abominevoli creature che popolano il super-classico “I mostri” di Dino Risi.

Quell’uovo chiaramente / è stato fecondato

Da un paese ingordo / furbesco ed arrabbiato.

 

Andrea Meroni per 9ArtCorsoComo9

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.