Le due anime di Gian Lorenzo Bernini

0 1.210

Marmo che si muta in carne, levigato e palpitante. Vivo.

Gian Lorenzo Bernini (Napoli, 7 dicembre 1598 – Roma, 28 novembre 1680) ha la capacità di animare, inquietare, far vivere la dura e fredda materia. L’anima si insinua tra le venature ed esplode fiera.

Gli occhi di una giovane donna si aprono e mirano verso l’alto, limpidi. La bocca schiusa, carnosa, mentre i capelli scivolano sulle spalle nude, cinti da una ghirlanda di fiori freschi. Nulla pare turbare la quiete di un’Anima beata.

anima beata

Uguale e opposta un’altra anima, un’Anima dannata. Un urlo e una smorfia di dolore profondo. L’epidermide si tende compatta fino a contrarsi e a trasformarsi in ricci capelli che si rizzano intorno alle tempie. La tensione attraversa il capo, fulminea. Gli occhi, sbarrati, non guardano verso il cielo ma verso la terra.

Cielo o terra. Luce od ombra. Paradiso o inferno.

Una scelta che prevede pochi sconti. La scultura diviene uno specchio delle conseguenze alle nostre azioni e dunque un potentissimo strumento di persuasione. La forza dell’immagine, con una straordinaria carica emotiva, induce lo spettatore alla riflessione.

Nel 1619 le due sculture erano proprietà del prelato spagnolo Pedro de Foix Montoya e oggi sono conservate presso l’Ambasciata Spagnola in Palazzo di Spagna, a Roma.

Un’eccezionale mostra, allestita presso il Museo del Prado di Madrid fino al prossimo 8 febbraio, ha permesso di approfondire quelli che furono gli stretti legami di Gian Lorenzo Bernini con la corte spagnola. ‘Le anime del Bernini. Arte a Roma per la corte spagnola’ è , infatti, il titolo dell’esposizione.

Artista poliedrico, non solo scultore ma anche pittore e architetto, Bernini seppe destreggiarsi perfettamente tra le arti divenendo il simbolo del Barocco.

“Barroco”, un’etimologia che deriverebbe dal nome portoghese di una perla irregolare.

Bianca, luminosa e sinuosa come il candido marmo tra le mani di Bernini.

Martina Sacchi per 9ArtCorsoComo9

Info:

https://www.museodelprado.es/en/exhibitions/exhibitions/at-the-museum/bernini-y-espana

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.