Cover sulla realtà

0 1.252

Tutto, passo dopo passo, si sta allineando al nuovo senso corrente. Ognuno, secondo le proprie inclinazioni e caratteristiche, si mette in fila per la corsa verso la modernità e tecnologia in senso lato. Nessuno può più aspettare, i più favorevoli da tempo, gli scettici hanno abbandonato il purismo iniziale e, gioco forza, sono stati costretti a ricredersi sulla necessità/vantaggio del web. È un vortice passionale e travolgente quello che interpella e costringe a pensarsi e ripensarsi, pensarsi ancora e in maniera sempre nuova.

immagine a

Probabilmente risponde alle dinamiche del vortice anche la nuova scelta del New Yorker in vero senso-web. La rivista, famosa per le sue cover, ne ha prodotta una animata, ma no solo questo. Lo sfondo è quello di un taxi che rinvia ad una chiara ambientazione newyorkese e il primo piano è occupato da gocce di pioggia che scendono. L’intuizione è stata di Christoph Niemman che scrive nella sua cover story:

“Quando arrivai a New York per la prima volta pioveva a dirotto. Forse è per questo che, nella mia testa, non c’è nessun posto sulla Terra in cui sia più bello rimanere intrappolati nel traffico in un giorno di pioggia”.

La cover assume quindi le sembianze di un finestrino da cui si guarda fuori dall’auto. Non solo animazione dunque ma sguardo sulla realtà. La rivista e dunque anche New Yorker appartenente al genere, ha da sempre rappresentato, attraverso notizie, attualità e quant’altro, una finestra sul mondo in senso metaforico. Oggi, inserendosi nella finestra per eccellenza (il web), diventa in senso fisico una finestra sulla realtà. Noi stessi siamo in un’auto a New York, intrappolati nel traffico, la pioggia si appiccica sul vetro, si fa come a grumi, e poi cade lenta e noi guardiamo fuori. Nel vortice di cui parlavamo, l’immagine cliccata appare terribilmente lenta, ma terribilmente reale. La cover si fa carico di un linguaggio che diventa META, diventa riflessione sul linguaggio usato comunemente dai media. La procedura è quella della finestra (qui finestrino) sulla realtà, sguardo democratico su ciò che ci circonda, abbattendo muri, distanze spaziali e temporali ed arrivando persino ad un giorno di pioggia di New York.

Lucia Italia per 9ArtCorsoComo9

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.