Quando il LEGO diventa arte

0 388

Immaginate di essere un avvocato di New York sulla trentina che non ha più passione per il suo lavoro. Immaginate anche di avere una passione sfrenata per i LEGO. Infine, immaginate di abbandonare il vostro lavoro e dedicare completamente la vostra vita nei mitici mattoncini danesi. Ecco a voi la vita di Nathan Sawaya. 80 opere dell’artista saranno in mostra alla Old Truman Brewery di Londra dal 26 Settembre al 4 Gennaio 2015.

10409555_714096772004025_3013184330261889057_n

La mostra itinerante (già esposta in Nord America, Asia, Australia ed ora arrivata in Europa) chiamata Art of the brick è la punta dell’opera dell’artista, il primo ad aver reso arte un oggetto come il LEGO, ma non solo: le sue mostre sono interamente formate dai mattoncini e nessun altro materiale. Una scelta a metà tra il genio e la follia che spesso paga, come in questo casa, il favore del pubblico e della critica che ha apprezzato un tentativo di innovazione radicale in un periodo stantio e restio alla novità. Una novità che si è sviluppata dal 2002, quando Nathan ha deciso di alternare al suo lavoro di avvocato, la sua passione per i LEGO lavorando di notte alle sue opere. La decisione di aprire un sito per vendere le sue opere fu una decisione istantanea e facile da ideare, nel primo decennio del 2000 abbiamo il vero boom di internet negli USA, e quella fu la svolta nella carriera di Sawaya. Con il classico passaparola il sito di Nathan divenne famosissimo e la scelta di abbandonare il proprio lavoro per dedicarsi completamente alla carriera da artista arrivò nel 2012.

La sua evoluzione è l’esempio perfetto della carriera di un’artista: inizia da piccolo con la creazione di un cane fatto di LEGO a grandezza naturale, nei suoi primi anni dal 2002 al 2012 una serie di ritratti e oggetti di bambini, commissionati dai genitori per poi dedicarsi completamente ed arrivare alla creazione di opere più elaborate. Passare dall’essere commissionato da semplici genitori all’essere commissionato da Lady Gaga, Bill Clinton e dal comune di New Orleans. Un esempio di innovazione, la scelta di un uomo che abbandona le sue certezze ed abbraccia una realtà nuova. Chissà quanti avranno detto a Nathan che la sua scelta di abbandonare il ruolo di avvocato per vendere opere fatto con i LEGO era qualcosa di folle. Eppure ce l’ha fatta. Quindi perché non provarci comunque?

Lorenzo Allamprese per 9ArtCorsoComo9

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.