Monna Lisa Smile

0 995

La Gioconda.

Ancora? Si, ancora. Monna Lisa di Ser del Giocondo ride. No, è seria. Anzi, ride ed è seria.

Monna Lisa è affascinante, bella, enigmatica. No, Monna Lisa non è piacente, è quasi brutta. Simbolo della femminilità per alcuni, per altri un autoritratto di Leonardo in gonnella.

Marcel-Duchamp-L.H.O.O.Q-Mona-Lisa-with-moustache

La Gioconda attira, da secoli. Leonardo non se ne separò mai, la condusse con sé in Francia e se la tenne stretta fino alla morte, avvenuta nel 1519. Quello che avrebbe dovuto essere un ritratto di una donna fiorentina divenne “il ritratto” per antonomasia. C’è chi dice perché fu il primo ritratto psicologico della storia, con un’introspezione forte. Le ipotesi sono talmente tante, tutti quanti tentiamo di capire il motivo sotteso a tale successo che ha reso un mezzo busto, con delle mani bellissime, una super star.

Una cosa è certa. Monna Lisa ci dice tutto e poi il contrario di tutto. Trasmette un’emozione e immediatamente il suo opposto. Ci stordisce, insomma.

Le peculiarità di quest’immagine, diventata da molto tempo un’icona, hanno fatto sì che le rivisitazioni fossero davvero molte. Ci fu chi le mise i baffi aggiungendo un acrostico di scherno e chi la ingrassò enormemente.

E ci fu chi, in tempi recenti, le tagliò completamente i capelli per una causa importante. Monna Lisa combatte contro il cancro fianco a fianco con Fondazione ANT. La Fondazione è il partner etico della galleria milanese Photology in occasione di una mostra dedicata alla celebre Monna Lisa, allestita fino al 31 agosto nella città di Noto.

Nove artisti, nove volti. Il celebre dipinto vinciano viene ri-visitato, ri-studiato, ri-visto. L’artista insegue un’icona e tenta a sua volta di darle respiro nel nostro oggi. Un oggi intenso, lieto, spensierato. Ma anche sofferto e ostacolato da battaglie da vincere, per aggrapparci alla vita.

Martina Sacchi per 9ArtCorsoComo9

 

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.