Vacanze al Lago

0 645

Dopo la messa in onda di Masters of Sex (2013), Sky Atlantic durante questa calda estate darà al pubblico italiano la possibilità di recuperare un’altra serie di cui la stampa straniera ha tessuto infinite lodi, ovvero Top of The Lake.

top1

In onda dal 16 Giugno, col titolo Il mistero del lago, lo show è un thriller poliziesco ambientato nella verde e incontaminata Nuova Zelanda, in una piccola e rurale comunità dove una dodicenne scompare dopo che è stata scoperta la sua gravidanza.

A risolvere il caso ci pensa la detective Robin Griffin, appena tornata dalla moderna Sidney per occuparsi dell’anziana madre e subito stranita da quei posti che l’hanno vista crescere e la cui ristrettezza mentale l’ha spinta alla fuga.

Troverà non pochi oppositori e segreti nella sua ricerca della ragazzina, per cui sente un legame frutto di un doloroso passato comune, passato che per quanto possiamo fingere di esserci lasciati alle spalle non esita mai a ricordarci da dove veniamo e dove possiamo andare.

Questa serie, di soli sei episodi e di cui non ancora non si sa se vedremo un seguito, è stata un gran successo all’estero, grazie anche alla sua sceneggiatrice e regista Jane Campion.

top3

Presidente di giuria all’ultimo festival di Cannes, la Campion proprio dalla tv e dalla Nuova Zelanda aveva cominciato la sua carriera nel 1990 con Un Angelo alla mia Tavola, film tv premiato al festival del cinema di Venezia.

Sono i personaggi femminili a catturare lo spettatore, come in tutta la filmografia della femminista Campion, donne incapaci di rimanere inermi mentre le loro simili combattono in una realtà violenta e maschilista, qui incarnata dai rozzi e disonesti uomini capeggiati da Peter Mullan.

Nei panni della protagonista troviamo Elisabeth Moss, premiata col Golden Globe per questo ritratto di donna tanto agguerrita quanto la segretaria che l’ha resa famosa in Mad Men, anche se a rubarle spesso la scena è un altro personaggio, quello del leader spirituale dai lunghi capelli grigi GJ che ha dato vita, in mezzo al silenzio e al verde della montagna Paradise, una comune di sole donne in fuga da uomini violenti e vite sbagliate da riscrivere.

Dietro la misteriosa e chiaroveggente GJ si nasconde la ritrovata Holly Hunter, da tempo lontana da progetti interessanti e che proprio alla Campion deve una fortunata carriera, e il suo Oscar, dopo il successo di Lezioni di Piano (1993) vincitore della palma d’oro che porto la regista alla fama internazionale facendola diventare la prima regista donna a essere candidata all’ambita statuetta d’oro e la prima a vincerne una come sceneggiatrice.

Aspettando di vedere se la bambina scomparsa e la detective riusciranno a incontrarsi e a riappacificarsi con la loro comunità, la serie merita di essere vista anche solo per quei magnifici luoghi che racconta, terre che ci sembrano così lontane, pure, magiche intatte e che la trilogia del Signore degli Anelli ci ha insegnato a sognare e amare.

Filippo Ferretto per 9ArtCorsoComo9

 

 

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.